fbpx

Sei qui:

Il problema dei click “fraudolenti” su Google ADS

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
click Google ads

Chi usa la piattaforma Google ADS (il fu AdWords) sa benissimo come uno dei problemi da scontare è proprio quello dei click fraudolenti. Con questi si intende click illegittimi sugli annunci, che possono derivare da un’azione diretta oppure attraverso un software dannoso (vi rientrano in realtà anche i click involontari).

Una parte del problema riguarda proprio gli inserzionisti, che si vedono intaccare il proprio budget da questo tipo di click. Altre volte il problema è di Google stesso, che deve intervenire per contrastare un’azione pianificata per gonfiare le rendite derivanti da Google Adsense.

Per questi motivi Google è da sempre al lavoro per cercare di contrastare questo fenomeno che causa un ammontare di costi anche elevato. Vediamo innanzitutto alcuni dei tipi di click fraudolenti che si possono verificare.

I click dei competitors

Una tipologia estremamente diffusa di click fraudolenti riguarda proprio quelli sugli annunci dei competitors. Lo scopo è presto detto, portarli a consumare il proprio budget in maniera veloce e infruttuosa. In realtà, uno degli effetti negativi è anche che i costi di tutti aumentano, specialmente quando la concorrenza è elevata.

Vi sono alcuni settori (tipo il soccorso stradale, per fare un esempio) dove i costi sul singolo click in alcuni momenti diventano davvero proibitivi (si superano tranquillamente i 6-7 € a click).

I click sugli annunci Adsense

Questa azione invece, portata avanti dai webmaster che aderiscono al programma Adsense, ha lo scopo di incrementare in modo non naturale i guadagni derivanti dalle ads che ospitano sul proprio sito web. Si tratta di un’azione che viola le norme del programma di Google. Gli inserzionisti scoperti a barare vengono bannati o sospesi dal programma.

Come proteggersi dai click “fraudolenti”

Il primo passo è ottimizzare gli annunci e le parole chiave per assicurarsi di indirizzare solo ricerche pertinenti. Il tasso di conversione è uno dei migliori indicatori di successo. Una piattaforma come Google Analytics è un ottimo strumento per monitorare eventuali attività sospette.

Altro aspetto da monitorare: le interazioni non valide nelle statistiche dell’account Google ADS. Si possono personalizzare le colonne aggiungendo la colonna “Invalid Click” per visualizzare rapidamente il numero e la percentuale di clic non validi.

Un passo ulteriore se si hanno sospetti motivati di click fraudolenti è quello di contattare Google. Più “prove” e informazioni si condividono, maggiori probabilità si avranno di vedere accolta la propria richiesta di accredito. Le richieste vengono analizzate da un team apposito e ciò può richiedere anche diversi giorni di attesa.

Hai trovato utile questo articolo?
(votanti: 2 media: 5)

Ti potrebbe interessare:

  • (...e se non ti piace, puoi disdire in qualunque momento!)

  • Simone Durante

    Benvenuto!

    Sono Simone Durante, imprenditore digitale e fondatore del brand SEORoma.com. Impara insieme a me come generare traffico, contatti e vendite.

    Ecco come posso aiutarti:

    Corsi DigitalCorsi Digital SENZA LIMITI

    Consulenza One to OneConsulenza One to One

    Sviluppo Strategia SEOSviluppo Strategia SEO