logo
Scopri la nostra Agenzia SEO; ti aiuteremo nel posizionamento su Google per aumentare le visite e le vendite online. Abbiamo aiutato più di 500 tra PMI e Professionisti a scalare posizioni su Google, negli utlimi 10 anni. Ecco alcuni servizi che potrebbero esserti utili:
Contattaci Senza Impegno
Saremo a tua disposizione, ascolteremo le tue esigenze e ne discuteremo insieme - senza impegno!

Via Vibio Mariano , 78 00189 Roma

Se hai bisogno di aiuto per il tuo business online scrivici a:
Top
SEO Roma / SEO: posizionamento sui Motori di Ricerca  / Le novità di Ubersuggest, tool per la scelta delle keyword

Le novità di Ubersuggest, tool per la scelta delle keyword

Ben ritrovati sul blog di SeoRoma!

Recentemente abbiamo parlato di numerosi tool per l’analisi SEO: AnswerThePublic (ricerca semantica delle conversazioni), Onpage.org (verifica degli aspetti di ottimizzazione SEO), SEO Tester Online (analisi di ottimizzazione SEO e delle keyword); oggi proseguiamo sulla stessa strada ma con un’occhio di riguardo per le novità che hanno interessato uno dei più famosi tool per la scelta delle keyword in circolazione: Ubersuggest!

Era un giorno come tanti altri, quando gli utenti di Ubersuggest entrarono nella schermata principale del loro fedele strumento e trovarono un inaspettato messaggio ad accoglierli:

Ubersuggest has been acquired by Neil Patel. New free features coming soon

Neil Patel, figura di spicco del mondo imprenditoriale della divulgazione SEO e uno dei fondatori di Crazy Egg e di KISSmetrics, ha fatto – ulteriormente – parlare di sé con l’acquisto di Ubersuggest, celebre tool per il suggerimento delle long tail keyword impiegato da blogger e SEO di tutto il mondo.

Le opinioni in rete degli utilizzatori si spaccano a metà: alcuni già si fasciano il capo intravedendo un futuro gramo in cui bisognerà aprire i cordoni della borsa per ottenere la lunga trafila di parole chiave, altri invece si fregano le mani soddisfatti immaginando nuove potenti funzioni a loro disposizione sempre gratis et amore Dei.

Ora Ubersuggest – dopo un periodo di “stasi” è tornato online, con un nuovo look e un nuovo padrone: quali sono le novità che ci aspettano?

Cos’è Ubersuggest, tool per la ricerca delle long tail keyword?

Ubersuggest è un tool per la keyword research facilissimo da usare, molto apprezzato nell’ambiente poiché permette di estrarre lunghissime liste di parole chiave correlate a quelle di interesse e per essere sempre stato gratuito fino a oggi: praticamente consente in un colpo solo di visualizzare l’insieme dei risultati suggeriti di Google Suggest – frutto delle milioni di ricerche incamerate su Google Images, News, Youtube e Shopping – e di cogliere su quali argomenti di coda lunga – disponibili nelle versioni nazionali di 90 Paesi – convenga lavorare, esponendole divise alfabeticamente.

Francamente Ubersuggest non brillava per le troppe funzionalità a disposizione: piuttosto, faceva poche cose, ma quelle poche le faceva bene. Fino a ora era possibile integrare i suggerimenti di keyword con un’apposita estensione per browser detta Keyword Everywhere che restituiva volume mensile, costo medio per click e competizione, dati molto utili e che ponevano il tool come l’alternativa free all’immensamente noto Adwords Keyword Planner.

Non appena l’acquisto è stato formalizzato, sul sito è apparsa una segnalazione sulle nuove funzionalità free che presto sarebbero state introdotte: ciò era peraltro ragionevole da supporre visto il budget alla portata dell’imprenditore (Neil Patel è sicuramente uno degli specialisti SEO e digital marketer più ricchi del mondo).

Quali nuovi funzioni per il keyword research tool Ubersuggest?

Il 6 aprile 2017 il tool è stato reso disponibile ancora free al nuovo indirizzo http://neilpatel.com/keyword-tool/ con una grafica rinnovata e nuovi interessanti risultati.

Finora Ubersuggest ha tratto dati dalle API di Google Suggest ma ora potrebbe reperire informazioni anche attraverso Semrush (almeno a giudicare dalla voce che compare sulla schermata che appare non appena effettui una ricerca).

Lo strumento offre ora una visione dei principali dati relativi alle keyword come volume di ricerca, CPC, trend stagionali, suggerimenti per termini aggiuntivi su cui lavorare, stima della competitività; da notare inoltre che in fondo a ogni form c’è un link che permette di espandere le ricerche iniziate con la suite di Semrush (come si può vedere dallo screenshot tratto dal sito a seguire).

Nuovo ubersuggest

Le novità introdotte in Ubersuggest

  • nuovi dati relativi alle ricerche e competitività delle keyword (volume, competizione, numero di risultati, CPC)
  • indicazione dei principali competitor posizionati per la keyword di interesse
  • indicazione degli inserzionisti principali posizionati per la keyword di interesse
  • sistema di filtri per rintracciare risultati di interesse nel mare magnum di quelli offerti
  • indicazione delle negative keywords che non si vogliono vedere incluse nell’elaborazione
  • esportazione della lista di keyword in CSV o copiandole tutte

Alla sezione Tool del sito, inoltre, si viene rimandati al Seo Analyzer, uno strumento che, dato un URL restituisce (anche come report pdf):

  • una comparazione fino a 3 pagine web
  • una serie di statistiche sul sito tra cui errori (elementi non visualizzati nell’above the fold, Title ripetuti) e suggerimenti di miglioramento come:
    • ridurre il numero di link interni
    • ridurre la lunghezza delle intestazioni
    • aumentare i backlink che rimandano al sito
    • verificare l’impatto sui social media

Questo strumento aggiuntivo quindi è utile per avere una visione iniziale dei potenziali aspetti di criticità SEO – divisi per presunta gravità – e per avere suggerimenti sugli aspetti su cui lavorare per ottenere un miglioramento del ranking. Inoltre riepiloga brevemente il grado di successo di un sito in un’ottica di velocità di caricamento, di ottimizzazione SEO, di condivisione sui social network e stima un traffico ipotetico, utile per figurarsi quanto ancora c’è da lavorare per raggiungere il successo con il nostro portale.

In definitiva, le nuove implementazioni “professionali” del tool – l’ottimizzazione SEO, il successo sui social network, la visione dei competitor organici e a pagamento – sono di certo una fonte di informazioni preziose che permette di avere subito visione di coloro con cui dovremo confrontarci, di certo non potremmo ignorarli infatti in una buona strategia di posizionamento.

Ubersuggest diventerà a pagamento?

Un possibile sviluppo non tanto improbabile potrebbe essere che al momento il tool sia in una sorta di “beta gratuita” per consentire agli utenti di fruirne e di esprimere il proprio apprezzamento – ad esempio per segnalare eventuali bug e mancanze – in vista dell’introduzione un domani della versione ancora più migliorata e a pagamento.

Neil Patel è famoso per aver realizzato innumerevoli e corpose guide gratuite, ma di certo non ha mai mancato nemmeno di vendere corsi a praticanti del settore: e se anche Ubersuggest dovesse diventare un tool a pagamento?

Ragionevolmente le funzioni per allora disponibili dovrebbero essere ancora di più, difficilmente si riuscirebbe a far pagare solamente per un tool per l’estrazione delle long tail keyword quando ce ne sono già molti altri in commercio.

Al momento ogni ipotesi è buona, e la situazione appare ancora fluida. Lo strumento potrebbe rimanere anche in futuro gratuito, molto probabilmente sarebbe maggiore l’incremento di visibilità sul brand e di traffico derivante dall’acquisizione della tariffa stessa per l’utilizzo del tool, per il momento d’altronde possiamo utilizzarlo senza pagare alcunché.

 

E tu, che cosa ne pensi?
Sei soddisfatto dei nuovi sviluppi di Ubersuggest oppure preferisci passare da altri strumenti? Commenta questo articolo per raccontarci la tua esperienza!

Vota questo articolo

Amo scrivere per il web! Amante (non ricambiato) della SEO, appassionato di libri, film e fumetti, credo che la scrittura possa essere un modo per rendere il web un luogo migliore. Su www.ilariogobbi.it trovi guide e approfondimenti su SEO e storytelling.

1 Commento
  • Risarcimento Salute
    maggio 9, 2017 alle 6:53 am

    Fondamentale per analisi keyword,
    grazie per l’articolo.
    staff risarcimentosalute.it
    Daniele Viola

Posta un commento

Contattaci ORA